La tecnologia al servizio della medicina

Così come per altri comparti anche la medicina oggi si avvale in molti dei suoi aspetti del supporto tecnologico;  in merito a questo argomento il nuovo anno accademico  bolognese offre la possibilità di partecipare a un nuovo programma che mixa tecnologia e salute;  un dottorato di Scienze tecnologiche della Salute,  un percorso che comprende 14 dipartimenti Unibo.

Tecnologia e salute a Bologna Anno accademico 2018/2019

Un programma innovativo, diversificato, e articolato, un’offerta di ben 47 corsi di dottorato,  con alle spalle un grosso investimento è in euro;  un progetto ambizioso che va dalla biomeccanica ai dispositivi per i servizi medici per le tecnologie terapeutiche, alla medicina predittiva, a  tutte le tecnologie diagnostiche e sistemi neuro-cognitivi. Questo è l’insieme di tutte le tematiche sulle quali si baserà il nuovo dottorato in scienze e tecnologie della Salute dell’Università di Bologna.

Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche

Questo progetto è a cura del Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche che si avvale di un coordinatore prestigioso:  il professor Claudio Borghi che verrà a sua volta affiancato da personale proveniente dai vari dipartimenti tra i quali troviamo il Dipartimento delle scienze biomediche e neuro-motorie;  quello di medicina specialistica e diagnostica, oltre a quello di medicina sperimentale e chimica,  ma sono da citare anche tutti gli altri ovvero il dipartimento di  farmacia e biotecnologie fisica,  astronomia informatica, scienza e ingegneria, ingegneria civile, ingegneria dell’energia elettrica e dell’informazione, ingegneria civile chimica e ambientale, ingegneria industriale, psicologia e scienze aziendali, scienze economiche e scienze giuridiche. Le strutture che offriranno la collaborazione sono il Giacomo Ciamician e il Guglielmo Marconi.

Generazione di figure leader della ricerca

Un intreccio eccellente e produttivo tra medicina e tecnologia, con  l’obiettivo finale di formare la prossima generazione di figure leader della ricerca,  sulle tecnologie per la salute in ambito accademico clinico e industriale; ovvero dottori in ricerca. Chi conseguirà questa specializzazione avrà le competenze per svolgere tutte le attività di ricerca in ambito universitario, e industriale, oltre che a contribuire a tutte le iniziative nel settore delle tecnologie per la salute a livello imprenditoriale. E’ previsto nel primo anno di attivazione del Corso l’offerta di sette  borse di studio;  tre finanziate direttamente dall’ateneo di Bologna,  mentre le altre saranno offerte dall’azienda ospedaliera Sant’Orsola di Bologna, dal  IRCCS  Rizzoli di Bologna,  da Farmindustria e dal Centro interdipartimentale di ricerca industriale meccanica avanzata.

Scienze e tecnologie della Salute

Il corso di Scienze e tecnologie della Salute è uno dei nuovi corsi di dottorato dell’Ateneo Bolognese in partenza per il prossimo anno accademico ma non è l’unica novità,  sono stati inseriti anche i dottorati in salute, sicurezza e sistemi del verde,  tecnologie innovative e uso sostenibile delle risorse di pesca e biologiche del Mediterraneo, e Beni culturali e ambientali. Come già detto sono quasi 50 i dottorati dell’Università di Bologna operativi per l’anno accademico 2018-2019, con oltre  437 posizioni e una spesa di oltre 13,6 milioni di euro. Potete trovare interessanti approfondimenti sull’argomento anche su  psb privacy e sicurezza.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 6 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.